Tra local e global, Sabatini

Unire globalizzazione e localismo, quante volte si è sentita questa storia? Forse troppe, anche a sproposito. Ma questa volta un fondo di verità c’è. Ed è stato realizzato nei fatti. Parliamo del gin Sabatini, quello che il giornalista Marco Cremonesi sul ‘Corriere della Sera’ ha definito “il re d’Italia”.

Il prodotto. Abbiamo tra le mani un London Dry Premium Gin, distillato di produzione completamente artigianale. La certificazione di London Dry garantisce l’assenza di aromi in aggiunta. Vengono invece sfruttati ben 9 botanicals (erbe e spezie), tutti di provenienza toscana: ginepro, coriandolo, iris, finocchio selvatico, lavanda, foglie d’olivo, timo, verbena e salvia. Il risultato? Note fresche ed inebrianti, che accompagnano con coerenza il gusto aromatico del gin.

Costo: €€
Dove: rivenditori autorizzati, bar e gintonerie (ormai ovunque)
Abbinamenti: aperitivo, formaggi, e da provare anche col sushi (nuova tendenza!)

2018:11:23 Sabatini Gin.png©Sabatini Gin

Local. Da dove viene la qualità di questo gin? Semplice, dalla coltivazione del ginepro della Toscana. Il ginepro è una pianta fondamentale, perché le sue bacche devono per legge essere presenti nel distillato (il nome dovrebbe suggerire qualcosa…). Nel 2015, la famiglia Sabatini ha stretto indissolubilmente il suo rapporto con la propria terra. Discendenti da una tradizione centenaria di passione per il mondo dei liquori, i quattro fondatori della Sabatini Gin hanno realizzato nel 2015 l’azienda proprio a Teccognano (frazione di Cortona, Arezzo, in Valdichiana), luogo che ha dato i natali alla famiglia. E proprio da queste zone vengono raccolte le bacche del ginepro e tutti i 9 botanicals che crescono spontaneamente nelle proprietà Sabatini.

Global. La marcia in più dei Sabatini è stata data però anche dallo sposalizio con la storia del gin inglese. La ricetta rispecchia non solo i sapori ed i profumi della Toscana, ma soprattutto rispetta integralmente le regole della distillazione inglese. Questo grazie alla stretta collaborazione con il master distiller Charles Maxwell, proprietario di una delle distillerie più prestigiose del Regno Unito, la Thames Distillers Ltd. Ecco perché in questo caso siamo davvero in presenza di una realtà “glocal” ben bilanciata: tutta italiana, anzi toscana, nelle materie prime e negli aromi, ma con un ferreo rispetto delle regole british del perfetto London Dry.

E sulla pagina Instagram sabatinigin non perdetevi le storie di gin ed i consigli direttamente dalla fonte!

2018:11:23 Aromi Sabatini Gin .jpg
©Sabatini Gin

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea il tuo sito web su WordPress.com
Crea il tuo sito
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close