Capodanno tra gloria, crisi e nostalgia di un Rosso Antico

C’è pieno di storie di qualunque forma e genere scandite in 3 fasi. Gloria, crisi e nostalgia. Questo è un articolo che in maniera molto opportunista vuole sfruttare la suggestione del colore rosso – con tutti i suoi risvolti politici – e del Capodanno per amplificare la portata di questo concetto, meglio chiarirsi. Troppo forte la tentazione offerta degli sviluppi storici di uno dei vermouth più celebri, il Rosso Antico.
Se però volete continuare a sviscerare per bene il mondo oscuro dei nostri sbalzi umorali, consiglio una visita al blog del mio collega Riccardo ‘Ric’ Congiu, La Teoria Umorale.

Il prodotto. Il Rosso Antico è un vermouth della distilleria Jean Buton. Aromatizzato con 33 erbe, di cui il tratto distintivo è la più pregiata varietà di iris, l’Ireos Florentina. Color bruno, odore intenso e floreale, dal 1962 questo vino aromatizzato si è conquistato il titolo di “principe degli aperitivi” e rimane uno dei vermouth con il passato più importante alle spalle. Anche grazie alla capacità di essere una metafora vivente di uno spirito comune a tutti.

Prezzo: 
Dove: enoteche e bar
Abbinamenti: come aperitivo

2018:12:31 Rosso Antico 2.jpg©Rosso Antico Aperitivo

Gloria. Gli anni del Boom Economico, gli anni della spensieratezza. C’è un fermento generale nella società italiana e negli animi di chi ha scoperto di avere un futuro abbagliante di fronte a sé. Tutti hanno voglia di brindare. Il Rosso Antico, simbolo di un’illusione, si afferma sulla scena degli anni Sessanta come “l’aperitivo che si beve in coppa”. Segno di classe, eleganza e genuinità. Quella che riempie i cuori e svuota le menti. Consegnando al futuro il miraggio di una radiosa immortalità.

2018:12:31 Rosso Antico Solo In Coppa.jpg©Rosso Antico Aperitivo

Crisi. Poi qualcosa si rompe. Un dettaglio, che c’è sempre stato, ma la cui scoperta cambia tutto. Il colorante E123 Amaranto, responsabile del colore tipico, d’improvviso viene ritenuto cancerogeno. Il Rosso Antico viene momentaneamente ritirato dal mercato nel 1977. Lo squarcio si apre. Ed è Giorgio Gaber a mostrare come il colore rosso – il rosso del vermouth, il rosso del PCI, il rosso della passione – stava entrando in una fase di smarrimento.

 Siamo sicuri che abbiamo in comune
la certezza del nemico,
siamo sicuri che c’è.
Ma il più nuovo, il più rosso dei partiti,
non si sa perché, diventa Rosso Antico.
(Si può – Libertà obbligatoria)

 

Nostalgia. E alla fine, dopo aver consumato tra alti e bassi una crisi prolungata che non ha più riconsegnato i fasti di un’epoca passata, si arriva alla fase più amara. Quella in cui si guarda indietro ad un passato glorioso, inceppatosi per una scheggia negli ingranaggi. Il Rosso Antico ha resistito, non è mai morto. L’eco della sua voga riecheggia lontano. Come ha cantato Caparezza, le coppe sono piene, ma di nostalgia. Di un qualcosa che c’è stato, soffocato da una modernità e una consapevolezza che non possono più portare indietro le lancette della storia.

Mi sento fico quando faccio centro,
amore ti ho portato il Rosso Antico, diamoci dentro!
Che più si aspetta più i tempi si fanno cupi,
rimpiango Sandokan sul Cinevisor Mupi,
i lupi di Fabuland, i Lego, i Trasferelli,
le scatole di Silvan e di Tony Binarelli.
(Limiti – Verità supposte)

È in arrivo la fine di un vecchio anno e l’inizio di uno nuovo. Pronti a liberare il vostro mood Rosso Antico?

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea il tuo sito web su WordPress.com
Inizia ora
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close